Il tuo browser non supporta JavaScript!

I più venduti

Dizionario Enciclopedico dell'Audio Hi-Fi Ebook
formato: Ebook | editore: Bruno Fazzini | anno: 2015
Anno: 2015
Quando scegliere le valvole e quando lo stato solido? Che differenza c’è fra un triodo e un pentodo? In quali casi
€ 9,99
I love BDSM. Guida per principianti ai giochi erotici di bondage, dominazione e sottomissione. Epub
di Ayzad
formato: Ebook | editore: 80144 Edizioni | anno: 2015
Anno: 2015
I love BDSM è la prima guida per avvicinarsi, con leggerezza ed equilibrio, ai giochi erotici di dominazione e sottomis
€ 6,99

L’invenzione della natura selvaggia

Pdf L’invenzione della natura selvaggia
Ebook
Adobe DRM
titolo L’invenzione della natura selvaggia
sottotitolo Storia di un’idea dal XVIII secolo a oggi
autore
collana Bollati Boringhieri Saggi
editore Bollati Boringhieri
formato Ebook - Pdf
protezione Adobe DRM

Informazioni sulla protezione

X
pagine 438
pubblicazione 2013
ISBN 9788833981901
Scrivi un commento per questo prodotto
 
€ 11,99

Ebook in formato Pdf leggibile su questi device:

 
Disponibile in altri formati:
L’invenzione della natura selvaggia. Storia di un’idea dal XVIII secolo a oggi Epub
formato: Ebook | editore: Bollati Boringhieri | anno: 2013 | pagine: 438
Anno: 2013
Gli antichi «sentivano naturalmente», noi invece «sentiamo la natura»
€ 11,99
Gli antichi «sentivano naturalmente», noi invece «sentiamo la natura». Alla fine del Settecento una sensibilità nuovissima, inaudita, trova un emblema nelle parole di Schiller. Perduta per sempre la naturalezza fusionale che stringeva i nostri avi al loro ambiente di vita, percepiamo la distanza che separa la civiltà dallo sconfinato e dall’inesplorato che le si ergono di fronte, esercitando una fascinazione prima sconosciuta. La natura selvaggia nasce allora, e assume subito i contorni del mito. Certo, è vecchia quanto il mondo, ma va in scena solo con la modernità, quando viene plasmata come costruzione culturale. Muraglie di ghiaccio, forre paurose, montagne svettanti, acque abissali che ribollono di tempesta sono tenute a battesimo soprattutto in epoca romantica da scrittori, pittori e filosofi, e continuano a proiettare il loro sublime artificio sull’esotismo di massa, sui viaggi estremi offerti in pacchetti dalle agenzie, sull'ecoturismo di nicchia, sull’avventura no-limits. Tra coloro che ripercorrono da studiosi quell’universo mille volte descritto, dipinto, idoleggiato, pochissimi possono dire di averlo anche esplorato sul campo. Uno di loro è Franco Brevini, letterato di lungo corso e viaggiatore con una predilezione per le condizioni-limite. E ancor più rara è l’efficacia della sua scrittura, che contrappunta la riflessione intorno alla wilderness, all'ecologia e all'etica ambientale con l’esperienza diretta dei cinquemila, dei paesaggi boreali o delle giungle del Borneo. Nessuno meglio di lui sa tradurre in parole il magnetismo e le ambivalenze della natura selvaggia.

Indice del libro

L'invenzione della natura selvaggia pag. 1
Introduzione pag. 9
1. Dominio o partecipazione pag. 28
2. Etiche per l’ambiente pag. 43
3. Due opposte apparizioni della natura pag. 58
4. Dall’ordine al disordine pag. 78
5. La rivoluzione industriale e la wilderness pag. 102
6. Monts Maudits pag. 133
7. Il grimaldello del pittoresco pag. 150
8. «An agreeable kind of horror». L’estetica del sublime pag. 162
9. Alpi e Artico pag. 180
10. Dalla scienza al gioco pag. 208
11. La vita nei boschi pag. 220
12. Il mito del selvaggio pag. 232
13. Primitivismo e modernità pag. 245
14. L’arte della fuga pag. 258
15. Sostenibilità pag. 277
16. L’uso della wilderness pag. 293
17. «Naturalmente la vita è ridiventata interessante e ha ritrovato tutto il suo contenuto» pag. 320
18. La natura selvaggia e la cultura di massa pag. 337
19. Grizzly Man pag. 354
20. Cuori di tenebra pag. 380
Riferimenti bibliografici pag. 406
Indice dei nomi pag. 430