Il tuo browser non supporta JavaScript!

I più venduti

Ananke 72. Maggio 2014 Pdf
formato: Ebook | editore: Altralinea Edizioni | anno: 2016
Anno: 2016
Effetto Foucault
€ 6,99
Il Circo Ebook
formato: Ebook | editore: Valentina Tomi | anno: 2017
Anno: 2017
“Mamma mi porti al circo?” Arti circensi
€ 3,49
Ritorno a Delfi Epub
formato: Ebook | editore: Edizioni e/o | anno: 2012 | pagine: 334
Anno: 2012
Vivì Choleva, donna di mezza età, infermiera a domicilio, decide di concedersi una breve vacanza nella zona archeologica di De
€ 8,99
Il risparmiatore maleducato Pdf
formato: Ebook | editore: IlSole24Ore | anno: 2017 | pagine: 128
Anno: 2017
Come le trappole mentali condizionano la nostra mente quando ha a che fare con il denaro
€ 10,00
Erano gli anni della TV dei ragazzi. Figli delle stelle e degli anni '70 Ebook
formato: Ebook | editore: Alina Di Mattia | anno: 2017
Anno: 2017
Dallo scandalo Lockeed ad Aldo Moro, dal Carosello al Tempo delle mele, dalla Beat Generation
€ 4,49

La difficile giustizia

novitàEpub La difficile giustizia
Ebook
Adobe DRM
titolo La difficile giustizia
sottotitolo I processi per crimini di guerra tedeschi in Italia 1943-2013
autori ,
argomenti Saggistica > Storia
editore Viella Libreria Editrice
formato Ebook - Epub
protezione Adobe DRM

Informazioni sulla protezione

X
pubblicazione 2017
ISBN 9788867289097
Scrivi un commento per questo prodotto
 
€ 11,99

Ebook in formato Epub leggibile su questi device:

Al termine del secondo conflitto mondiale, l’individuazione degli autori dei gravi crimini commessi durante l’occupazione tedesca in Italia contro le popolazioni civili rimase circoscritta a pochi casi eclatanti: gli Alleati abbandonarono il progetto di punire i massimi responsabili delle forze armate tedesche in Italia, e gli italiani, a parte poche condanne (Kappler per le Fosse Ardeatine, Reder per Marzabotto e altri eccidi), ben presto posero fine a quella stagione processuale. Una nuova se ne aprì invece dopo la scoperta, nel 1994, di quello che una felice intuizione giornalistica definì l’“armadio della vergogna”: in realtà una stanza di Palazzo Cesi, a Roma, sede della Procura generale militare, in cui erano conservati centinaia di fascicoli giudiziari sui crimini di guerra commessi sulla popolazione italiana tra il 1943 e il 1945, illegalmente archiviati dal procuratore generale militare nel 1960.
Ragion di Stato, protezione dei criminali di guerra italiani, culture militari poco sensibili al tema della difesa dei civili in guerra, e attente a proteggere in ogni caso l’immunità dei combattenti in divisa: queste alcune delle cause di una giustizia limitata, tardiva e quindi negata.

Altri titoli dello stesso autore