Il tuo browser non supporta JavaScript!

I più venduti

Liberi dalla timidezza e dalla fobia sociale Ebook
formato: Ebook | editore: Ecomind | anno: 2012
Anno: 2012
Come liberarsi dalla timidezza e dalla fobia sociale con la terapia cognitivo comportamentale di terza generazione e la mindfu
€ 6,99
Senza orto né porto Epub
formato: Ebook | editore: BEL-AMI Edizioni | anno: 2014
Anno: 2014
Lirica “blues” versatile ed eclettica, che si addentra in quel mondo troppo spesso malfamato, che si affaccia in quell’infimo
€ 1,99
Professione Musicoterapia. Il mio inizio Ebook
formato: Ebook | editore: Laura Gamba | anno: 2018
Anno: 2018
Il libro propone la tesi di diploma in Musicoterapia discussa dall’autrice nel 1994 a conclusione del Corso
€ 5,99

Signore delle lacrime

Epub Signore delle lacrime
Ebook
Adobe DRM
titolo Signore delle lacrime
autore
argomenti Narrativa Racconti brevi
Saggistica Religione e Spiritualità, Viaggi e guide
collana Marsilio Romanzi
editore Marsilio
formato Ebook - Epub
protezione Adobe DRM

Informazioni sulla protezione

X
pagine 128
pubblicazione 2016
ISBN 9788831740869
Scrivi un commento per questo prodotto
 
€ 7,99

Ebook in formato Epub leggibile su questi device:

"Signore delle lacrime" è uno degli appellativi di Śiva, la potente divinità che con Brahmā e Viṣṇu forma il pantheon induista. Brahmā è il creatore dell'universo, Viṣṇu è il suo conservatore, Śiva ne è il distruttore. Brahmā è poco più di un principio primo, mentre le ragioni della devozione per Viṣṇu, colui che preserva il mondo, appaiono intuibili. Meno, si direbbe, quelle che spingono a venerare Śiva, il distruttore. Ma dalla distruzione scaturisce la rigenerazione, e allora Śiva, dalle sue antichissime rappresentazioni terrificanti, con il passare del tempo si è trasformato in un dio della rinascita. Attorno a questa suggestione spirituale si coagulano i temi di un racconto che mescola narrazione, memoria, riflessione sulla letteratura e gli dèi. La ragione prima del fascino di Śiva risiede in una ambiguità profonda: distruttore e rigeneratore, dio dell'ascetismo e della rinuncia possiede, allo stesso tempo, una carica erotica dirompente e, a volte, incontrollabile; nemico di ogni debolezza e temuto dagli altri dèi per il suo distacco sprezzante, può vivere passioni selvagge; ricoperto dalle ceneri della cremazione e assorto in posizione yogica, dai suoi capelli nascono i vivi flutti del Gange, il più sacro dei fiumi. Una divinità di contrasti seducenti, capace di risvegliare consonanze profonde anche nella sensibilità occidentale.

Il libro di Franchini non è, però, un saggio su Śiva e tanto meno il resoconto di un viaggio in alcune celebri località dell'India del nord. L'India e i suoi dèi sono il pretesto per una meditazione sulla morte e un apparente bilancio sulla vita che ogni uomo, giunto a un certo punto dell'esistenza, sente di dover fare, senza pretendere di riuscirci davvero ma lasciandosi attraversare da suggestioni, impressioni, letture, brividi di ricordi o di premonizioni, immagini di luoghi infestati da ogni forma di falsità e tuttavia impregnati di sacro in ogni più intima fibra.